Prepper.it fa uso di cookies classificati come "strettamente necessari" alla navigazione. Se continuate nella navigazione del sito acconsentite all'utilizzo degli stessi

 

Blogs

Avevo lasciato nonna in macchina in cima ad Amatrice, quindi ho scalato di nuovo le macerie per raggiungerla e occuparmi di lei, il sole stava quasi per sopraggiungere, l'auto era aperta ma non avevo le chiavi perchè le aveva portate via mia madre e non sapevo più dove fosse, le ho fatto una capanna con le giacche e la sua vestaglia, era in camicia da notte e senza una ciabatta, non potevo portarla da nessuna parte e siamo rimaste così, con intorno gli elicotteri che si alzavano senza sosta per trasportare i feriti negli ospedali.


Dopo un'ora e mezza è arrivata mia madre con un'aria che non le avevo mai visto addosso, poi ho capito il perchè.
Ci siamo date il cambio e sono andata a cercare l'ambulanza che guidava mio padre, un'infermiera volontaria mi ha tirata a bordo dicendomi solo «Tesoro, dobbiamo fare il trasporto salme».

Ero già pronta.

Le persone erano morte da poche poche ore, la notte era stata fresca e quindi il pericolo batteriologico era ridotto, alcuni erano ancora caldi quando li sollevavo con gli altri colleghi, ma in casi come questi bisogna stare attenti al sangue perchè pur conoscendo i nostri amici, non siamo obbligati a conoscere le loro cartelle cliniche e sicuramente non abbiamo ben chiaro a cosa andiamo incontro toccando i loro fluidi.


Guanti e mascherina sono il minimo dei presidi che è moralmente obbligatorio verso noi stessi, portare nello zaino.

Preferite sempre i guanti in nitrile o i guanti da lavoro interamente gommati e ben aderenti, le salme non possono collaborare, sono letteralmente “a peso morto” e se la nostra presa non è ben salda per via dei guanti o per un momento nostro di mancamento, potrebbero caderci, scivolarsi e rischieremo di peggiorare le loro già irreversibili ma dignitose condizioni e di farci male.


Assicuriamoci una presa ben salda.

Oltre a questi due presidi, per gli stessi motivi di autoprotezione, sono necessari anche gli occhiali protettivi con anche i lati schermati perchè una sola goccia di sangue nell'occhio potrà trasmetterci velocemente qualsiasi malattia e rischieremo di mettere in pericolo la nostra vita dato che ormai non possiamo fare niente per quella che abbiamo in mano.
Miei cari, carissimi lettori, siamo arrivati a due dei momenti peggiori della mia vita che condividerò con voi con tanta obbiettività, mantenendo una visione prepper “manualistica” perchè questo è il mio scopo, ma è inevitabile raccontare tutto questo mettendoci dentro un po' della mia personale esperienza emotiva.
Quando stavo nella parte Sud di Amatrice mettevamo i morti in un giardinetto al lato del convento delle suore ma mi stavo dedicando ai feriti e ancora non li avevo toccati, probabilmente a parte le mani di qualche parente morto in casa, non ne avevo mai toccato nessuno.
Nella parte Nord di Amatrice, dove mi trovavo a questo punto della narrazione, mettevamo le salme nel Parco in Miniatura e da lì le prelevavamo per portarle nel garage della Scuola Alberghiera.
Erano tutti avvolti nelle coperte o nelle lenzuola, nudi o in pigiama e non avevamo delle vere e proprie barelle, allora li abbiamo messi sulle persiane, sulle porte, sulle assi e le caricavamo sull'ambulanza ma con l'aggiunta del supporto di fortuna, sembrava di sentire proprio il peso della tragedia al di là di quello del corpo.
Tecnicamente si chiamano corpi inanimati e così mi sono imposta di considerarli anche se per me ognuno di loro aveva un'identità che conoscevo benissimo e che comunicavo con quanto più controllo possibile.


L'identità è importante anche per chi non ha più vita, fa parte della sua dignità 

ed evita di commettere errori, di scambiare i corpi e i loro nomi e di separare le famiglie.

 

Regola n.8: Proteggi te stesso

 

 

 

 

 

Accesso Utenti

Sponsors

 

 

minervae3dlab

BugOut2.it

AXEM40

MioGadget

milstore2000